Blog


Dichiarazione dei Reddito delle persone fisiche - Checklist

Dichiarazione dei Reddito delle persone fisiche - Checklist
Enzo La Rosa Apr 24, 2017

Con l'avvicinamento del termine per la redazione della Dichiarazione deiRedditi delle persone fisiche abbiamo pensato che sarebbe stato utile un elenco dei documenti da consegnare al commercialista.

Nel presente articolo oltre all'elenco dei documenti spieghiamo su cosa incidono a livello di imposte e a chi si riferiscono.

Speriamo che questo elenco vi sia di aiuto nel momento di raccolta di tutte le informazioni necessarie, se avete delle domande o necessità di chiarimenti scriveteci, sarà nostra premura darvi tutto il supporto necessario.

Oltre ai documenti di cui segue l’elencazione,  nell’elenco esplicitiamo gli altri  dati  e  documenti  che ci servono per la redazione della dichiarazione:

1. Residenza     eventuale cambiamento  con precisazione esatta della data. 
2. Matrimonio  data, generalità e codice fiscale del coniuge.
3. Separazione data  sentenza ed elementi della sentenza stessa
4. Divorzio data  sentenza ed elementi della sentenza stessa   
5. Nascita figli data nascita  e codice fiscale nuovi figli
6. Persone a carico data nascita  e codice fiscale
 
CHI SONO FAMILIARI A CARICO?
La detrazione, è un diritto per ogni figlio considerato fiscalmente a carico dei genitori a patto che sia titolare di un reddito complessivo IRPEF non superiore a 2.840,51 euro (al lordo degli oneri deducibili), a prescindere quindi dalla sua età, dagli studi o dal tirocinio gratuito o dal fatto che conviva o meno con i genitori o se si trova all’estero.
Nel suddetto limite di 2.840,51 euro, vanno considerati solo i redditi che concorrono alla formazione del reddito complessivo IRPEF, soggetto a tassazione ordinaria, con esclusione di quelli esenti come i redditi soggetti a tassazione separata, di quelli assoggettati a ritenuta a titolo d’imposta o ad imposta sostitutiva come per esempio la cedolare secca sugli affitti
Possono essere considerati familiari a carico, anche se non conviventi con il contribuente o residenti all’estero:
• il coniuge non legalmente ed effettivamente separato;
• i figli (compresi i figli naturali riconosciuti, adottivi, affidati o affiliati) Indipendentemente dal superamento di determinati limiti di età e dal fatto che siano o meno dediti agli studi o al tirocinio gratuito.

Possono essere considerati a carico anche i seguenti altri familiari, a condizione che convivano con il contribuente o che ricevano dallo stesso assegni alimentari non risultanti da provvedimenti dell’Autorità giudiziaria:
• il coniuge legalmente ed effettivamente separato;
• i discendenti dei figli;
• i genitori (compresi i genitori naturali e quelli adottivi);
• i generi e le nuore;
• il suocero e la suocera;
• i fratelli e le sorelle (anche unilaterali);
• i nonni e le nonne (compresi quelli naturali).

Se i genitori non sono legalmente ed effettivamente separati la detrazione per figli a carico deve essere ripartita nella misura del 50% ciascuno.

Tuttavia i genitori possono decidere di comune accordo di attribuire l’intera detrazione al genitore con reddito complessivo più elevato per evitare che la detrazione non possa essere fruita in tutto o in parte dal genitore con il reddito inferiore.
In caso di separazione legale ed effettiva o di annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio la detrazione spetta, in mancanza di accordo tra le parti, nella misura del 100% al genitore affidatario ovvero in caso di affidamento congiunto nella misura del 50% ciascuno.
Anche in questo caso, i genitori possono decidere di comune accordo di attribuire l’intera detrazione al genitore con reddito complessivo più elevato per evitare che la detrazione non possa essere fruita in tutto o in parte dal genitore con il reddito inferiore.
Se un genitore fruisce al 100% della detrazione per figlio a carico, l’altro genitore non può fruirne.
La detrazione spetta per intero ad uno solo dei genitori quando l’altro genitore è fiscalmente a carico del primo.

Oltre ai dati sopra esposti servono :
Le ricevute degli attestati degli acconti di imposta pagati nel corso del 2016 (importante!)
acquisto/ vendita   Terreni  (servono gli atti) 
acquisto/ vendita   Fabbricati  - (atti e eventuali contratti di mutuo)
Cambio destinazione relativi a fabbricati – terreni – Ristrutturazioni – mutamento rendite e simili.
Redditi di lavoro dipendente e collaborazioni diverse (CU)
Per i CU rilasciati dall’INPS : chi ha già attivato il PIN INPS potrà stamparlo dall’apposito sito.
Partecipazioni in società 
Redditi di capitale  ( azioni, ecc) 
Eventuali rimborsi  ricevuti ( documenti in copia)
Contributi pagati 
Ogni altro documento attestante spese e oneri sostenuti.

QUALI SONO LE SPESE E GI ONERI DEDUCIBILI?
Di seguito i principali oneri e spese che è possibile detrarre in percentuale o totalmente.
ONERI E SPESE
Alcuni specifici oneri, a seconda dei casi, possono essere fatti valere nella dichiarazione in due diversi modi:
• alcuni (oneri detraibili) consentono di detrarre dall’imposta una percentuale della spesa sostenuta;
• altri (oneri deducibili) permettono di ridurre il reddito imponibile su cui si calcola l’imposta lorda.
Si ricorda che alcuni oneri e spese sono ammessi in detrazione o in deduzione anche se sono stati sostenuti per i familiari.

ONERI DETRAIBILI
Spese che danno diritto alla detrazione del 19%
Spese sostenute dal contribuente nell’interesse proprio o dei familiari fiscalmente a carico 
spese sanitarie; 
Spese per i mezzi necessari per l’accompagnamento, la deambulazione, a locomozione, il sollevamento e i sussidi tecnici informatici dei disabili;
Spese per l’acquisto e la riparazione di veicoli per disabili;
Spese per l’acquisto di cani guida; 
Premi per assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni derivanti da contratti stipulati o rinnovati sino al 31 dicembre 2000);
Premi per assicurazioni sul rischio morte, invalidità permanente superiore al 5%, non autosufficienza nel compimento degli atti quotidiani, derivanti da contratti stipulati o rinnovati dal 1 gennaio 2001;
Spese per l’istruzione secondaria e universitaria 
Spese per attività sportive praticate da ragazzi 
Spese per canoni di locazione sostenute da studenti universitari fuori sede 
La detrazione spetta anche nelle seguenti particolari ipotesi: per le spese sanitarie sostenute nell’interesse dei familiari non a carico, affetti da patologie che danno diritto all’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria pubblica, per la parte di detrazione che non trova capienza nell’imposta da questi ultimi dovuta, per le spese sostenute per gli addetti all’assistenza personale nell’interesse del contribuente o di altri familiari non autosufficienti, per i contributi versati per il riscatto del corso di laurea del soggetto fiscalmente a carico, il quale non ha iniziato ancora l’attività lavorativa e non è iscritto ad alcuna forma obbligatoria di previdenza per le spese sostenute dai genitori per la frequenza di asili nido da parte dei figli 
Spese sanitarie sostenute dal contribuente affetto da patologie che danno diritto all’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria pubblica 
Interessi per mutui ipotecari per l’acquisto dell’abitazione principale 
Interessi per mutui ipotecari per acquisto di altri immobili 
Interessi per mutui contratti nel 1997 per recupero edilizio 
Interessi per mutui ipotecari per la costruzione dell’abitazione principale 
Interessi per prestiti o mutui agrari 
Spese funebri
Spese per intermediazione immobiliare 
Erogazioni liberali alle società ed associazioni sportive dilettantistiche 
Erogazioni liberali alle società di mutuo soccorso 
Erogazioni liberali a favore delle associazioni di promozione sociale 
Spese relative a beni soggetti a regime vincolistico 
Erogazioni liberali per attività culturali ed artistiche 
Erogazioni liberali a favore di enti operanti nello spettacolo 
Spese veterinarie 
Spese che danno diritto alla detrazione del  24%
Erogazioni liberali alle ONLUS
Erogazioni liberali ai partiti politici 
Spese che danno diritto alla detrazione del 50% o del 65% 
Spese per interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti 
Spese per interventi sull’involucro degli edifici esistenti 
Spese per l’installazione di pannelli solari
Spese per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale
Spese che danno diritto alla detrazione del  50 e 65% e spese che danno diritto alla detrazione del 50% per l’acquisto di mobili per l’arredo di immobili ristrutturati
Spese per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio e boschivo;
Spese per l’acquisto o l’assegnazione di immobili facenti parte di edifici ristrutturati.
Spese per interventi relativi all’adozione di misure antisismiche e all’esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica.

Detrazioni per canoni di locazione
Detrazione per gli inquilini di alloggi adibiti ad abitazione principale 
Detrazione per gli inquilini di alloggi adibiti ad abitazione principale locati con contratti in regime convenzionale 
Detrazione per i giovani di età compresa tra i 20 e i 30 anni che stipulano un contratto di locazione per l’abitazione principale
Detrazione per i lavoratori dipendenti che trasferiscono la propria residenza per motivi di lavoro.
Altre detrazioni
Investimenti in start up 
Detrazione per le spese di mantenimento dei cani guida 

ONERI DEDUCIBILI
Spese sostenute dal contribuente nell’interesse proprio o dei familiari fiscalmente a carico 
Contributi previdenziali e assistenziali 
Contributi per i fondi integrativi del servizio sanitario nazionale 
Contributi per forme pensionistiche complementari e individuali 

Sono inoltre deducibili le spese mediche e di assistenza specifica per i disabili sostenute anche nell’interesse dei familiari anche se non a carico fiscalmente 
Assegni periodici corrisposti al coniuge 
Contributi previdenziali e assistenziali versati per gli addetti ai servizi domestici e familiari 
Erogazioni liberali a favore di istituzioni religiose 
Erogazioni liberali a favore delle organizzazioni non governative 
Erogazioni liberali a favore di organizzazioni non lucrative di utilità sociale, di associazioni di promozione sociale e di alcune fondazioni e associazioni riconosciute 
Erogazioni liberali a favore di università, enti di ricerca ed enti parco 
Rendite, vitalizi, assegni alimentari ed altri oneri 
Spese sostenute per i figli
Se la spesa è sostenuta per i figli la detrazione spetta al genitore a cui è intestato il documento che certifica la spesa. Se invece il documento che comprova la spesa è intestato al figlio, le spese devono essere ripartite tra i due genitori nella proporzione in cui le hanno effettivamente sostenute. Se intendete ripartire le spese in misura diversa dal 50 per cento, nel documento che comprova la spesa dovete annotare la percentuale di ripartizione. Se uno dei due coniugi è fiscalmente a carico dell’altro, ai fini del calcolo della detrazione, quest’ultimo può considerare l’intero ammontare della spesa.
Spese sostenute dagli eredi
Gli eredi hanno diritto alla detrazione d’imposta oppure alla deduzione per le spese sanitarie del defunto da loro sostenute dopo il suo decesso. 

Occorre inoltre comunicare qualora si desideri indicarlo in dichiarazione la:
Destinazione 8 per mille;
Destinazione 5 per mille con indicazione del codice fiscale dell’ente interessato.

Spese che danno diritto alla detrazione del  50 e 65% e spese che danno diritto alla detrazione del 50% per l’acquisto di mobili per l’arredo di immobili ristrutturati
Spese per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio e boschivo;
Spese per l’acquisto o l’assegnazione di immobili facenti parte di edifici ristrutturati.
Spese per interventi relativi all’adozione di misure antisismiche e all’esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica.

Ricerca Articoli

Ultimi Articoli

Top